Cosa è possibile fare se nonostante la condanna lo Stato non paga

Il decreto di condanna emesso nei confronti dello Stato è immediatamente esecutivo, pertanto è possibile dar corso alla procedura di esecuzione forzata qualora questi non provveda spontaneamente ad ottemperare alla condanna inflittagli dalla Corte d’Appello. La circostanza in cui nonostante il riconoscimento dell’Indennizzo lo Stato Italiano provvedeva alla effettiva liquidazione diversi anni dopo è cosa nota, ma per fortuna in data 18 maggio 2015 è intervenuto un accordo tra il Ministero di Giustizia e la Banca d’Italia per circoscrivere l’arretrato.

***

Se ritiene di aver subito o di subire un procedimento dalla durata irragionevole, ed hai intenzione di proporre ricorso per ottenere il dovuto risarcimento, chiama il numero 348.9751061. Riceviamo presso lo Studio Legale in Bari.

***

Durante il primo colloquio valuteremo l’effettiva possibilità di ottenere il risarcimento previsto dalla legge Pinto e/o ricevere informazioni al riguardo.

***

Se vuoi conoscere i costi del servizio, clicca qui !

2 thoughts on “Cosa è possibile fare se nonostante la condanna lo Stato non paga”

  1. Ho sentenza Legge Pinto notificata a ministero 15.7.2022 e non ho avuto ancora i 5000 € stabiliti. Mi è stato detto di aspettare che anche gli avvocati attendono… ma io non sono avvocato e non ho alcun timore reverenziale. Che fare? Grazie e saluti

    1. Purtroppo i tempi di attesa dipendono dalla Corte di Appello di appartenenza e dalle disponibilità economiche che vengono stanziate dallo Stato per i singoli distretti. Se non intende aspettare senza far nulla, una delle soluzioni potrebbe essere quella di proporre un Giudizio di ottemperanza che, ad ogni modo, prevede alcuni oneri a Suo carico ed i cui tempi di attesa sono quelli tipici dei processi amministrativi. Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.